Category Archives: Science Policy

European science policy and research risk

vGTkhk1RMK4yK5ZF6KDsea8w

A comment on the EU science policy and on the reasons of its crisis.  (Published on the Euroscience blog)

Basic research is intrinsically risky: looking at the history of science one may find many examples of unexpected discoveries as well as of many ideas that were assumed true at a certain point in time while later they were proven wrong. Among the first we find, in recent years, the discovery of high temperature superconductivity by Alex Muller and Georg Bednorz, of the Quantum Hall effect by Klaus von Klitzing, the invention of the scanning tunneling microscope (STM) by Gerd Binnig and Heinrich Rohrer, and, more recently, the discovery of the graphene layers by Andrei Geim and Konstatin Novoselov.

Continue reading European science policy and research risk

Italy’s clash between science and the law has been overstated

 

res

Some see prosecutors’ investigation of a plant-disease outbreak as a witch-hunt. That’s not the case, says Francesco Sylos Labini.

On 18 December 2015, public prosecutors from the town of Lecce in southern Italy investigating the spread of the bacterium Xylella fastidiosa in olive trees placed nine researchers from local institutions under investigation.

The prosecutors are investigating charges ranging from negligent spread of a plant disease, environmental negligence, falsehoods in public documents and dispersion of dangerous substances, to the destruction of natural beauty. Judges also halted containment measures, which included the felling of infected trees.

Continue reading Italy’s clash between science and the law has been overstated

Science and The Economic Crisis

Opening lecture al meeting  “Encontro de Cientistas 2015” organizzato dalle società scientifiche portoghesi, Lisbona 2 Giugno 2015. Alcuni dei temi discussi in questo seminario saranno approfonditi e discussi in maniera estesa nel libro “Previsioni e Rischio: Cosa la Scienza ha da dirci sulla Crisi” che verrà pubblicato da Laterza a marzo 2016.

Continue reading Science and The Economic Crisis

Cambiamenti climatici: previsioni, informazione e politica

aspen_aspenia_logo

I governi di più di 190 nazioni riuniti alla conferenza di Parigi sul clima dal 30 novembre all’11 dicembre guardano al decennio successivo al 2020, quando si esauriranno gli impegni attuali in materia di emissioni di gas serra. Il punto chiave è l’intreccio inestricabile tra scienza, informazione e politica, che è centrale non solo per la comprensione del problema dei cambiamenti climatici da parte dell’opinione pubblica ma anche per stimolare l’adozione di politiche d’intervento efficaci.

La comprensione dei cambiamenti climatici globali, a differenza del “meteo” ordinario, pone dei problemi teorici e osservativi molto rilevanti. Per quanto riguarda la modellizzazione teorica, la difficoltà è dovuta al fatto che giocano un ruolo importante contemporaneamente variabili che hanno tempi-scala molto lunghi (millenni, come ad esempio quelli che governano le circolazioni profonde), variabili che hanno tempi-scala di mesi (tipiche delle strutture geofisiche), fino a quelle che hanno un tempo scala molto breve (ore/giorni, che sono connesse al fenomeno della turbolenza). Da un punto di vista osservativo le misure storiche del clima sono ottenute, ad esempio, dai profili di temperatura dalle trivellazioni, dai carotaggi nel ghiaccio, dall’analisi di strati di sedimenti, registrazioni dei livelli del mare del passato, ecc. D’altra parte i cambiamenti climatici più recenti possono essere misurati solo su scale di tempo relativamente lunghe, dell’ordine almeno di qualche decennio. Mentre alcune cause del cambiamento di lungo periodo del clima sono ben note – come le variazioni nella radiazione solare ricevuta dalla Terra, la tettonica a zolle, le eruzioni vulcaniche, ecc. – il problema cruciale è però stabilire se le attività umane siano causa rilevante del recente riscaldamento globale.climate_graphs

Venticinque anni fa è stato fondato il gruppo di esperti intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) cui è stato attribuito il premio Nobel per la pace nel 2010 per il lavoro svolto. L’ultimo rapporto, del 2013, ha posto dei solidi punti fermi nella modellizzazione e nell’osservazione dei cambiamenti climatici. Tre variabili climatiche cruciali, prese in esame dall’IPCC fin dal 1995, cioè la concentrazione di carbonio, la temperatura superficiale e l’aumento del livello del mare, non solo hanno seguito la tendenza prevista, ma sono sostanzialmente risultate all’interno della incertezza della previsione.

 

Continua su Aspenia online

Europe’s rebirth begins with research

Scientists from different European countries have written an open letter to both national and international policy makers as well to all citizens across Europe. The open letter stresses that, despite marked heterogeneity in the situation of scientific research in their respective countries, there are strong similarities in the destructive policies on research and development being followed. This critical analysis, highlighted in Nature and simultaneously published in a number of newspapers across Europe, is a wake-up call to policy makers to correct their course, and to researchers and citizens to defend the essential role of science in society.

Complessità economica: un contributo dei fisici alle previsioni in economia

Le previsioni posso essere distinte in due categorie generali. La prima comprende quelle utili a falsificare una teoria scientifica. La seconda categoria comprende le previsioni che, dando per assodata la validità e la conoscenza delle leggi dinamiche, attraverso la combinazione di grandi quantità di dati osservativi, di simulazioni numeriche e di modelli fenomenologici, si propongono di fornire degli elementi predittivi su sistemi aperti e complessi che possono essere di aiuto ai decisori politici per scopi diversi, dalla prevenzione di calamità naturali alla protezione civile.

Continue reading Complessità economica: un contributo dei fisici alle previsioni in economia

Greece: the disappearance of ethics and the brain drain

(Source: Euroscientist) There is a wide debate on the next referendum in Greece. It’s hard to summarize the different economic, social and political problems that are all equally important: all require an intervention that must reverse a route that looks set to wreck safe. Below I have singled out the points that I consider the most important ones. Continue reading Greece: the disappearance of ethics and the brain drain

Grecia: la scomparsa dell’etica e la fuga dei cervelli

C’è un gran dibattito sul referendum in Grecia. E’ difficile riassumere i diversi aspetti economici, sociali e politici del problema che sono tutti ugualmente importanti: tutti richiedono un intervento che possa invertire una rotta che sembra destinata a naufragio sicuro. Qui di seguito ho isolato i punti a mio avviso più rilevanti. Continue reading Grecia: la scomparsa dell’etica e la fuga dei cervelli